Claudio Bolognini

 

 

 

 

 

 

 

"Quando le mamme facevano il bucato col Tide, i cinni giocavano in cortile a coperchini e le filarine intrecciavano con agili manine chilometri di scubidù..."

 

 

Quando i cinni giocavano agli indiani tra le colline bolognesi, i calanchi sembravano canyons selvaggi e alla fine Piulina esordiva in serie A

 

C'era una volta un posto dove il tempo scorreva lentamente, così lentamente che i secondi duravano minuti, i minuti ore e le ore addirittura giornate intere...

 

 

“L’almanacco dei cinni” e’ una sorta di abbecedario illustrato, che, dalla A alla Z rievoca svaghi e modi di dire e di vivere di allora: cerbottane e zoppa galletto, coperchini e favole.

E per dare maggiore sapore al racconto, la versione in dialetto bolognese di due indiscussi maestri, Fausto Carpani e Luigi Lepri.”

 

 

La biografia romanzata del mitico pugile bolognese DANTE CANE'

 

 

 

Nel borgo emiliano di Raniopo, c’è una vecchia casa - da tutti chiamata “La casa di Garibaldi” – dove ora vivono due sorelle ucraine. Un tempo ci abitava Carlo, che adesso torna nella casa natale e conosce le due donne. Maja fa l’unico mestiere concesso a una giovane donna dell’est. Natascia invece è la badante di Stalin, un vecchio partigiano che abita di fronte.

 

 

 

Al tempo dei cinni i mesi scivolavano lentamente, settimana dopo settimana, giorno dopo giorno, ora dopo ora, persino i minuti duravano un’eternità e le stagioni, come d’incanto, recavano con sé una nuova meraviglia ...

Un romanzo tratto dalle vicende della banda Casaroli. Si sono conosciuti in carcere Daniele Farris, ex brigata Nera, Romano Ranuzzi, "il Bello" ex partigiano, e Paolo Casaroli. La loro amicizia è destinata a lasciare una scia di morte. Dai primi, piccoli furti passano in breve tempo alle rapine in banca, fino a un colpo troppo grosso per loro: il Banco di Sicilia in viale Trastevere a Roma. La rapina finisce in tragedia, muore il direttore della banca e pochi giorni dopo per le strade di Bologna si scatenerà una sparatoria sanguinosa

Abbecedario sentimentale dove sono raccolti giochi, giocattoli, oggetti, modi di dire, premi e penitenze, quando i maschi giocavano con i fucili a elastici e le femmine intrecciavano chilometri di scubidù. Dalla A di Ambarabaccicicoccò alla Z di Zoppo galletto passando dalle Figurine dei calciatori o dal gioco del Dottore mentre la Mucca Carolina osservava stupita. Ci sono le tessere di un mosaico che racconta la storia dell'infanzia, del tempo in cui tutti i bambini andavano a letto dopo Carosello…